Proverbi Ranchesi
Pro Loco Ranco

Pro Loco Ranco

-Lago Maggiore-

booked.net

Vecchi proverbi - detti dialettali Ranchesi

Tütt vegn a tài, anca i ung par pelàa l'ài   

Tutto è utile, anche le unghie per pelare l'aglio

 

Vàr püssèe un'ura da ripòos che una micheta 'n dal gòss

Vale di più un'ora di riposo che mangiare un panino

 

Pan e nûs, mangiàa da spûs; nûse pan, mangiàa da can 

Pane e noci, cibo da sposi; noci e pane cibo da cani

 

Zùca e melun  a la so stagiun  

Zucche e meloni alla sua stagione

 

Nìiul dal dì e seren da nocc   lè cume la vegia che la va al trott

Nuvolo di giorno bello di notte è come  una vecchia che va al trotto

(dura poco)

 

Magg magiùn na fa mia dees da bùn   

A maggio non fa dieci giorni belli

 

Par la Madona da Sciriola da l' invern semm fora,   ma se al piou o tira vent, par quaranta dì semm dent                       

Per la festa della Madonna ( 2 febbraio) dall' inverno siamo fuori  ma se piove o tira il vento per quaranta giorni siamo dentro

 

Par San Bìas sa benedis la gula e al nas 

Per San Biagio si benedisce la  gola e il naso

 

Cume a gh'è la sapa  gh' è al so manic     

Ogni zappa ha il suo manico

 

Al Signur  i a  fa   poo i a cumpagna

Il Signore li fa poi li accompagna

 

Poca brigada  vita beada  

Poca brigata vita beata

 

Men galin,men piviid

Menogalline meno pivida ( malattia dei polli)

 

La cativa lavandera la trova mai 'na buna prea 

La pigra lavandaia non trova mai una buona pietra

 

Al pan di altar al ga sett crost   

Il pane degli altri ha sette croste

 

La tropa cùnfidenza la fa perd la riverenza

La troppa confidenza fa perdere il rispetto

 

Dagàn a chi che riid e tirig via a chi che piang 

Dagli qualcosa a chi ride e togline a chi piange

 

Luntan dai occ, luntan dal coor 

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore

 

La gata presusa la fa i gatit orp 

La gatta frettolosa fa i gattini orbi

 

Chi va pian, va san e va luntan chi va fort, va a la mort  

Chi va piano va sano e va lontano chi va forte va incontro alla morte

 

Tre donn e un cò d'ài al mercà l'è fai  

Tre donne e una testa di aglio il mercato è fatto

 

Al stà mèi un ratt in buca a 'l gatt che un òm in man a l'aucatt 

Sta meglio un topo in bocca a un gatto che un uomo in mano all' avvocato

 

Chi la fa, l'aspeta 

Chi la fa l'aspetti

 

Can che baia , al cagna mia 

Can che abbaia non morde

 

Var pusè na buna lapa che na buna sapa 

Vale di più una buona lingua  che una buona zappa

 

Var pusè un matt a cà soa che un savi a cà  di alt 

Vale di più un matto a casa sua che un saggio a casa degli altri               

 

Par cugnos una persuna, bisogna mangiàa un chilu da saa insema

Per conoscere una persona, bisogna mangiare un chilo di sale insieme

(cioè bisogna farne tante di cose insieme per conoscersi)


Quant al tempural al vegn da la muntagna ciapa la sapa e va in campagna,   quant al vegn da ' Runa  ciapa in  man la curuna,                       

quant al truna vers  Lentà ciapa la sapa e scapa a cà   

quant’al vegn da Vares va a catà i sciress  

                

Quando il temporale viene dalla montagna prendi la zappa e vai in campagna, quando viene da Arona prendi in mano la corona ( del Rosario),  quando tuona verso Lentate prendi la zappa e scappa a casa,

quando viene da Varese vai a cogliere le ciliege

 

Quant al truna in Val da I'Ern, ghe pusè catiiu l' acqua che i tempest   

Quando tuona dalla Valle dell' Erno, fa più danni l' acqua che le tempeste

 

L' è  scritt  'n su 'na tapa che dopu 'l vent vegn l'acqua 

E' scritto su scheggia di legno che dopo il vento viene l'acqua

 

l'à lasaà scritt par testament che dopu l'acqua vegn 'l vent 

è stato lasciato un testamento che dopo l' acqua viene il vento

 

Nebia basa,bel temp la lasa 

Nebbia bassa lascia bel tempo


Nà lavàda, nà sùgàda, la par n'anca duperàda.

Una lavata, un'asciugata, non sembra neanche usata


Padrun cumanda, caval el trota.

Il padrone comanda, il cavallo trotta


Cin ghei pusè, ma rus
Meglio spendere cinque centesimi in più ma bere vino rosso


Una pisàva senza un pèt l'è come una càa senza tecc

Una pisciata senza una flatulenza è come una casa senza tetto


Fa ballaa l’oeucc, me racomandi!
Tenere gli occhi bene aperti


Và a dà via i ciapp
Vai a dare via le chiappe


Chel che stroza mia, ingrasa

Quello che non strozza, ingrassa


Quand a ghè scapà al purscell a saran su al stabiell

Quando il maiale è scappato chiudono il porcile.

Par San Vito e San Mudest, fa pusè dagn l'acqua che i tempest     

Per San Vito e San Modesto fa più danno l'acqua che le tempeste

 

Se al piou su l'uliuu, al fa bel sui ciap  

Se piove sull'ulivo fa bello sulle uova ( uova di Pasqua)


A Sant'Antoni un ora bona  

Sant' Antonio un ora in più ( di luce)

 

Natal in stradùn, Pasqua in un cantùn  

Natale nelle strade, Pasqua in un angolo (vicino al camino)

 

Santa Luzia al di pusèe curt che ga sia       

Per Santa Lucia il giorno più corto che ci sia

 

San Lurenz l'uga la peng  

Per San Lorenzo l'uva pende 

 

Beata che la man, che la faga inscì anca duman    

Beata quella mano, che faccia così (mi aiuti) anche domani

 

Quant 'l sùu al guarda indrè al fa bel al dì adrè 

Quando il sole guarda  indietro fa bello il giorno dopo

 

Quant a tira la Cumasca al temp al cambia

Quando tira la Comasca (aria da Como) cambia il tempo

 

Quant al lag a l'è strià al temp al cambia 

Quando il lago è a strisce il tempo cambia

 

Piutost che roba vanza  crepa panscia  

Piuttosto che avanare cibo pancia muori ( strafogati)

 

Al ga ammò al bumbanig ligà cul strupìn 

Ha ancora l'ombelico attaccato con una fettuccia

 

A l'è ammò di prim urecc 

E' ancora con le prime orecchie

 

Al cavagn senza cùu al sa vanta da par lùu    

Il cesto senza fondo si vanta da solo

 

Diaul manzuna diaul cumpar 

A parlare del diavolo il diavolo compare

 

Al ris al nas in da l'acqua al moor in dal vin

Il riso nasce nell’acqua e muore nel vino

 

Quanto al suu al va gio' a bas al lazarun vor mazas

Quando è notte il lazzarone esce per cercare un lavoro

 

Quant la vegia la va al trott al suu vegn gio' dai mott

Quando il lazzarone cerca il lavoro, ormai è il tramonto

 

Mett mia  al carr davanti di boo  

Non mettere il carro davanti ai buoi

 

Dura guera che mi resisti

Dura guerra che io resisto e sto bene comunque

 

I danèe fan danaa

I soldi fanno dannare

 

La buca l'e' mia straca se la sa mia da vaca

La bocca non è stanca se non si finisce di mangiare con il formaggio

 

In mancanza di cavai trotan i asan

Quando non ci sono cavalli trottano anche gli asini

 

O mangiaa la minestra o saltaa sta finestra

O mangi questa minestra o cambi casa

 

L'acqua la fa diventata rugin i busec

L’acqua fa diventare ruggine lo stomaco


Al gàa mangiàa i libar la vaca

AL posto di studiare a preferito fare l'agricoltore


Acqua e cuss, tri dì a l'usc

Acqua e cus (vento che prende forza nelle valli del cusio ossola, con la particolarità che fa sbattere l'accqua  a 45°) per tre giorni bisogna stare in casa


L'ofeleè fa il tò misteè

Ognuno faccia il suo lavoro (ofeleè è il pasticcere)


A Milan anca i murun fan l'uga

A Milano ache i gelsi fanno l'uva, un modo di dire... (praticamente a Milano puoi vendere qualsiasi cosa)


Va a Bagg a sunà l'organ

Vai a Baggio a suonare l'organo, espressione per mandare qualcuno a fare qualcosa di impossibile

(nella chiesa di Baggio l'organo è un dipinto)


In fila indiana a dù a dù come i tre re magi

Mettetevi in fila indiana a due a due come i tre re magi

(praticamente mettetevi come volete)


Ti gh’hee l’oeugg pussee grand del boeucc
Hai l’occhio più grande dello stomaco


Ma va a ciapaa i ratt!
Celeberrima espressione per mandare a quel paese


Foeura el dent, foeura el torment
Via il dente, via il dolore


Ti sè nai a scoeula il giovedì
Per dare dell’incolto a qualcuno.

Durante il fascismo non si andava a scuola il giovedì


Piutost che nagot l'è mei il piutost

Piuttosto che niente e meglio qualcosa


Var pussèe una volta fall, che cento volt dill

Vale di più una volta farlo che cento volte dirlo


A ves induvin sa fà mai cativa fin

A essere indovini non si fa mai  una brutta fine


Custa pussèe la salsa che al rost

Costa di più la salsa che l'arrosto,

(non è economicamente sostenibile)


PAGINA IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

conosci qualche detto Ranchese?

mandacelo via mail!!!!

PRO LOCO RANCO

Piazza Parrocchiale 2

21020 Ranco (VA)

Cod. fiscale 83009370129

Part.IVA 02592740126

iscritta all'Albo Regionale delle Pro Loco di Regione Lombardia  al n. 3182 del 13/4/76

Facebook \ Pro Loco Ranco


SiteLock

Copyright © 2015-2020  Pro Loco Ranco  by FB.  All Rights Reserved.

Privacy Policy

Informativa Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Accetta